Itinerario nel nord della Spagna: cosa vedere


Se la costa meridionale della Spagna è quella più gettonata dai vacanzieri estivi – grazie alla presenza di meravigliose città come Barcellona e Valencia e km di costa perfettamente organizzati dal punto di vista turistico – è probabilmente la parte settentrionale del Paese ad affascinare per la sua bellezze e per il suo carattere selvaggio e a tratti incontaminato. Il nord della Spagna è tutto da vedere ed ecco alcuni consigli per scoprirlo.

Innanzitutto il modo migliore per un tour nel nord della Spagna è affrontarlo in auto, per 2 motivi fondamentali. Il primo è di tipo economico: dormire all’interno delle città costa molto di più che allontanarsi pochissimi km da esse e soggiornare poco fuori. Questo elemento vi permetterà di risparmiare un bel po’ di soldi: in questo modo si potranno vivere le proprie vacanze economiche! Il secondo motivo è legato al fatto che girando in auto si potranno scoprire piccole località, angoli nascosti, si potranno scoprire spiagge assolutamente uniche ed inoltre il sistema dei trasporti in questa parte del Paese funziona bene soltanto tra le città mentre i collegamenti con i piccoli borghi non sono dei migliori.

La prima regione è quella dei Paesi Baschi caratterizzata da splendide città: la viva e gioviale San Sebastian, l’artistica e multietnica Bilbao – assolutamente da non perdere il Museo Guggenheim – l’affascinante Vitoria, la capitale del Pais Vasco, città dal sapore antico e dalla struttura davvero singolare: a differenza della maggior parte delle città, Vitoria è costruita con una serie di cerchi concentrici che convergono nella piazza principale, Plaza Virgen Blanca, con la Cattedrale di Santa Maria.

La vacanza in Spagna prosegue spostandosi verso ovest. Invece che attraversare il nord sull’autostrada il consiglio è quello di viaggiare lungo la strada che costeggia il mare. Qui si può ammirare l’Oceano che bagna la costa, le spiagge profondissime che vengono “mangiate” dalle acque, i ragazzi intenti a cavalcare le onde – in questo territorio si svolgono numerose gare di surf.

La Cantabria inizia con l’elegante città di Santander – una Rimini di qualche decennio fa con i suoi fastosi hotel affacciati sullo splendido lungomare – e prosegue con piccoli borghi di pescatori, località balneari poco affollate, dove anche in pieno agosto ci si può trovare da soli distesi su lunghe spiagge.

Quando ci si imbatte piccole ma incantevoli Gijon ed Oviedo ci si rende immediatamente conto che il territorio è cambiato, che le spiagge di sabbia soffice hanno lasciato il posto a scogliere a picco sul mare che tolgono il fiato. Queste sono le Asturie ma anche la Galizia, l’ultima regione spagnola prima del confine col Portogallo non è dissimile. Arrivati alla costa frastagliata intorno alla città di A Coruna, vuol dire che tutto il nord della Spagna è stato “conquistato”. Un viaggio così è davvero indimenticabile.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.